w5x7n2 - nur1w8 - vjqnas - 8uabi1 - 30cnu8 - 8dr0z3 - iilud5 - tvqbj1
04
SET
2018

Voci di settembre

Questo mese

Il nostro settembre dei libri è luminoso.

C’è persino la preghiera che accompagna la rondine nel suo volo: è la poesia che apre il nuovo libro di Fabio Pusterla, Cenere, o terra, che segna anche per noi la ripartenza.
Un libro estremo, dove “critica e utopia, negazione e speranza, sono allo stato puro”, come dice Galaverni nella sua bella recensione pubblicata su «La Lettura».
La percezione del male è più radicale che mai, ma altrettanto le presenze, le aperture positive: e ci pare di sentire, dolcissima, una nuova capacità di abbandonarsi alle cose.
Un libro da leggere e rileggere, un compagno.

Miriam Toews è una scrittrice straordinaria.
Rara nella sua sensibilità, nella sua intelligenza, nel suo fantastico umorismo.
Il suo nuovo romanzo, appena uscito in Canada e in Inghilterra, è potentissimo: si intitola Donne che parlano.
Alla sua origine, una tremenda storia vera: più di cento donne stuprate nel sonno in una comunità mennonita.
Da quando l’ha letta sui giornali, Miriam ha capito che doveva raccontarla, dare voce a queste donne che non l’avevano avuta, e con loro a tutte le donne del mondo che ancora non hanno voce.
E ha immaginato, appunto, di vederle parlare, di vederle prendere in mano il proprio destino, per la prima volta.
Radunate in un fienile, le donne ribelli parlano di giustizia, salvezza, dignità.
Cantano e ridono, anche.
E scelgono, per se stesse e per i loro figli, la via del rispetto e della libertà.
Donne che parlano mette i brividi, commuove e galvanizza.
Come ha detto Margaret Atwood, e come dicono in coro le recensioni che cominciano ad apparire nel mondo, Donne che parlano è un libro fondamentale.

Il nostro settembre è ricco di voci.

Il 24 settembre, in collaborazione con i meravigliosi partner di Storytel, sarà disponibile online la nostra prima ondata di audiolibri. Voci molto caratteristiche, scelte con cura, che si affiancano a romanzi, racconti, e presto poesie; fra le novità dello scorso anno, vi proponiamo Un complicato atto d’amore di Miriam Toews, nella splendida interpretazione di Linda Caridi, giovanissima attrice che ha già molto fatto parlare di sé. E L’ombrello di Nietzsche di Thomas Hürlimann, letto da Marco Zapparoli. Tra i libri del passato: Se ti abbraccio non aver paura di Fulvio Ervas letto da Claudio Villa, Grandi ustionati di Paolo Nori, letto da Paolo Nori e altri.
Due nuove proposte seguiranno nel corso di ottobre: seguiteci anche… con le orecchie!

Il nostro settembre è pieno di Festival.

Si comincia con il Festivaletteratura Mantova, dove dal 5 settembre sarà possibile vedere lo splendido film dedicato proprio a Fabio Pusterla, per la regia di Francesco Ferri.
Pochi giorni dopo, a Prodenonelegge, sarà possibile incontrare Fabio e il suo nuovo libro: l’appuntamento è il 21 settembre alle 17:30 presso la Libreria della Poesia.
E si prosegue nel cuore della via Francigena, a Monteriggioni, dove in occasione dello Slow Travel Fest il 23 settembre ci si potrà cimentare in due laboratori, entrambi dedicati alla Commedia umana di William Saroyan. Tina Venturi allenerà chiunque desideri mettere alla propria prova la voce – a prezzi assai modici – e il pomeriggio sarà Marco Vichi a condurre un laboratorio di narrazione. Spettacolo in chiusura. Qui potete trovare tutti gli appuntamenti.
La settimana successiva, consigliamo caldamente una visita a Genova. Oltre a BookPride, la Fiera degli editori indipendenti, vi attende una città meravigliosa. Ma se preferite, negli stessi giorni, nel capoluogo toscano si svolge Firenze Libro Aperto. Proprio qui, venerdì 28 alle 19, un nuovo appuntamento con William Saroyan e Marco Vichi, con letture e racconti dedicati a La commedia Umana.
Infine, come non segnalare lo splendido cartellone di LetterAltura, che si svolge a Verbania? Cristiano Cavina sarà ospite del festival venerdì 28 settembre per raccontare Pinna Morsicata alle 9 e Inutile Tentare Imprigionare Sogni con i ragazzi di BookSound – i libri alzano la voce alle 15. Fabio Pusterla invece legge e racconta Cenere, o terra il giorno successivo alle 18.

Buon settembre!