25
GEN
2018

Sempre altrove in libreria

Notizie, idee, curiosità

È arrivato in libreria un importante e prezioso nuovo libro di poesia, Sempre Altrove di Federico Hindermann.

Federico Hindermann
SEMPRE ALTROVE
a cura di Matteo Pedroni
introduzione di Fabio Pusterla

Personaggio dolce, ironico e schivo, intellettuale di profonda cultura attivo nel giornalismo culturale e nell’editoria, ed emerso solo a cinquant’anni, negli anni Settanta, nella sua grandezza di poeta italiano, Federico Hindermann ha lasciato una traccia significativa su diverse generazioni di scrittori e uomini di cultura italiani e svizzeri.
Le sue poesie sono state pubblicate inizialmente da Scheiwiller, poi raccolte in antologia prima nell’Almanacco dello specchio e poi da Guanda, con prefazione di Pietro Citati; altre raccolte sono uscite nel tempo, e ora, con la cura di Matteo Pedroni, offriamo una raccolta molto ampia e ragionata per rendere conto dell’originalità e della forza complessiva di una poesia che “nasce dall’esperienza e dalla vita, ne elabora i dati, le percezioni, le ferite e le gioie, e restituisce all’autore e al lettore una sorta di viatico modesto e insieme magistrale, un invito a non cedere, continuando sul difficile cammino”. “La lucidità dello sguardo e del pensiero non si disgiungevano in lui da una forma di profonda pietas; la capacità di cogliere, in sé e negli altri, le contraddizioni e i difetti non si spingeva mai fino all’acredine o al sarcasmo; e tutto questo sapeva convivere con una forma di radicale opposizione, tanto evidente che non c’era neppure bisogno di dichiararla”. (dall’introduzione di Fabio Pusterla)
Federico Hindermann è nato a Biella nel 1921 e morto ad Aarau nel 2012.
L’ala di farfalla in copertina è di Luca Mengoni.
E proprio ora arriva una bellissima notizia per la collana Le Ali: Fabiano Alborghetti con Maiser vince il PREMIO SVIZZERO DI LETTERATURA 2018 “…perché Maiser è un romanzo che ricostruisce con verosimiglianza una precisa realtà storica e sociale rivitalizzando una tradizione illustre, quella della narrativa in versi”.

Buone letture!
Marcos y Marcos