Un giorno della vita

Archivio rassegna stampa

  • 13Lug2017

    Fabio Pagliccia - Corriere del Ticino

     

    Giorgio Orelli, racconti tra sogno e realtà.

    Alla riscoperta della poco indagata prosa «ermetica» del grande autore ticinese

    Scomparso quattro anni fa, al termine di una vita plurinonagenaria dedita per buona parte all’insegnamento e al- la poesia, Giorgio Orelli (Airolo, 1921 – Bellinzona, 2013) è ormai, per acquisi- to consenso della critica, un classico della letteratura contemporanea.

    Leggi tutto l’articolo

  • 21Apr2017

    Orazio Paggi - mangialibri.com

    Un giorno della vita

    Una gita al mare: due amici arrivano a Riva Trigoso di sera, senza trovare un posto libero in albergo. Per dormire non resta che sperare di trovare qualche privato disposto a dargli un letto.

    La fortuna è dalla loro: riescono a sistemarsi dalla Vera in una casa linda che sa di pulito. E poi l’indomani mattina a servire la colazione ci sarà la Cristina… La sera sta scendendo e Piero e Adriana si avviano a fare un lungo giro in bicicletta attorno al paese. Immersi tra fieno, sambuchi, pollai, verdi e umidi prati, si accarezzano e si baciano. Poi, quando Piero forse spera in qualcosa di più, la ragazza deve tornare indietro perché la mamma la sta aspettando… Già prestare due giorni di corso militare a guerra finita è una scocciatura, ma il vedere uniformi e il sentire ordini impartiti ad alta voce rendono Antonio Gandolli molto inquieto, al punto da farlo sentire male. Il suo è un malessere opportuno, perché gli consente di essere esentato dal servizio e di recarsi, sulla via del ritorno, a trovare la sorella Ausilia presso l’istituto di suore domenicane di Tannenberg. Lì all’inquietudine subentrerà un calore umano insospettato…

    Che il compianto Giorgio Orelli sia stato un raffinato poeta lo si avverte bene in questa raccolta di racconti, gli unici da lui scritti, ora meritoriamente ripubblicata da Marcos y Marcos a più di cinquant’anni dalla prima edizione. Già il titolo ne è un indizio, dal momento che è volutamente tratto da un verso dell’amico Mario Luzi. Nei tredici testi la struttura lirica prevale su quella narrativa sia nel linguaggio ricercato e semplice – in specie nella nomenclatura botanica – sia nello stile impressionistico volto più a cogliere sfumature – colori, odori, atmosfere dell’humus valligiano – che non a costruire una storia. La realtà è filtrata non tanto attraverso la descrizione del contesto ambientale piuttosto attraverso gli stati d’animo, dell’autore stesso o dei suoi personaggi, che guardano all’esistenza con un’ingenua curiosità, pensando di averla tra le mani mentre essa fugge inesorabilmente via. Si ha la sensazione di trovarsi in un tempo sospeso, dove l’uomo non si accorge che invece tutto continua a scorrere, finendo così per perdere l’attimo decisivo, come in Veronica o Primavera a Rosagarda. Un giorno, dice Orelli, “contiene tutta la vita”, raccontare uno di essi significa parlare delle gioie e dei dolori di un’intera esistenza.

  • 06Mar2017

    Pietro Montorfani - Azione

    Quattro passi in prosa con Giulio Orelli

    Proviamo a fissare una data: l’autunno del 1960. A quell’altezza cronologica colui che di lì a poco sarebbe diventato il più celebre poeta svizzero di lingua italiana, con meriti che non si discutono, non aveva ancora mostrato, in quel genere, tutte le sue carte.

     

    Leggi tutto l’articolo

  • 05Mar2017

    Gabriele Ottaviani - convenzionali.wordpress.com

    “Un giorno della vita”

    Entrò nel campo un fotografo e colse con un lampo il bimbo che stringeva il suo pallone.

     

    Scherzo, Ampelio, Pomeriggio d’estate, Cristina, Sosta al lago d’Iseo, Serale, Veronica, Per un filino d’erba, Primavera a Rosagarda, La morte del gatto, Suite provinciale, Suite militaresca, Un giorno della vita. Più una bellissima postfazione di Pietro De Marchi, che fa capire molte cose e funge realmente da vera e propria guida alla lettura di un testo che, pur costruito attraverso un linguaggio semplice e piano, in realtà ha una ricchezza complessiva e compositiva e una varietà di livelli assolutamente insolita e straordinaria. Un giorno della vita è la prima e unica raccolta di racconti del ticinese Giorgio Orelli, autore di cinque libri di poesia (l’ultimo dei quali ha visto la luce postumo) nato ad Airolo nel millenovecentoventuno e morto a Bellinzona nel duemilatredici: risale a oltre mezzo secolo fa, benché appaia di stringente attualità, eMarcos y Marcos la ridà alle stampe in questo periodo. Il titolo già dice tutto, un giorno racchiude, per Orelli, in nuce ognuno dei momenti e delle sensazioni che è possibile provare nell’intera esistenza. Da non perdere.