"

w5x7n2 - nur1w8 - vjqnas - 8uabi1 - 30cnu8 - 8dr0z3 - iilud5 - tvqbj1

Se ti abbraccio non aver paura

Archivio rassegna stampa

  • 30Lug2019

    Antonello Saiz - giudittalegge.it

    Non possiamo a questo punto non ricordare quel grande successo tradotto in tutto il mondo che è il romanzo “Se ti abbraccio non aver paura” di Fulvio Ervas , edito da Marcos y Marcos. Nato dalla bellissima storia vera di Franco e Andrea Antonello, padre e figlio autistico, che hanno viaggiato in moto per tre mesi tra Stati Uniti e Sud America, il libro è di nuovo sotto i riflettori grazie al film di Gabriele Salvatores, per Indiana Productions. Ispirato al romanzo “Se ti abbraccio non aver paura” di Fulvio Ervas esce, infatti, il 24 ottobre al cinema “Tutto il mio folle amore”, un film drammatico diretto da Gabriele Salvatores, con Claudio Santamaria, Valeria Golino e Diego Abatantuono.

    Il verdetto di un medico ha ribaltato il mondo. La malattia di Andrea è un uragano, sette tifoni. L’autismo l’ha fatto prigioniero e Franco è diventato un cavaliere che combatte per suo figlio. Un cavaliere che non si arrende e continua a sognare. Per anni hanno viaggiato inseguendo terapie: tradizionali, sperimentali, spirituali. Adesso partono per un viaggio diverso, senza bussola e senza meta. Insieme, padre e figlio, uniti nel tempo sospeso della strada. Tagliano l’America in moto, si perdono nelle foreste del Guatemala. Per tre mesi la normalità è abolita, e non si sa più chi è diverso. Per tre mesi è Andrea a insegnare a suo padre ad abbandonarsi alla vita. Andrea che accarezza coccodrilli, abbraccia cameriere e sciamani. E semina pezzetti di carta lungo il tragitto, tenero Pollicino che prepara il ritorno mentre suo padre vorrebbe rimanere in viaggio per sempre. “Se ti abbraccio non aver paura” è un’avventura grandiosa, difficile, imprevedibile. Come Andrea. Una storia vera.Un libro, un viaggio, un rapporto padre-figlio tutto reale. “Se ti abbraccio non aver paura” è basato sull’avventura reale di Franco Antonello, imprenditore veneto e di suo figlio Andrea, autistico. Padre e figlio, l’autismo, l’incomunicabilità, la potenza del viaggio e dei sentimenti: una storia vera con il respiro della più intensa letteratura. Questa è la storia di una storia, anzi la storia di come si può incrociare e raccontare una grande storia. Una storia che diventa grande e universale quando c’è un grande scrittore che sappia raccontarla.