w5x7n2 - nur1w8 - vjqnas - 8uabi1 - 30cnu8 - 8dr0z3 - iilud5 - tvqbj1

Non chiudere gli occhi

Archivio rassegna stampa

  • 11Ott2011

    Marco Tiano - ilgiallista.com

    Carissimi amici,
    oggi vi presentiamo il giallo di un’autrice molto cara a Il Giallista, si tratta di Non chiudere gli occhi di Carlene Thompson (Marcos y Marcos editore) che, ancora una volta, si rivela come una delle migliori scrittrici di gialli contemporanee.
    Anche in questo caso, infatti, nel romanzo della Thompson, oltre alla scrittura sempre impeccabile, ritroviamo quell’atmosfera intrigante e misteriosa che cattura l’attenzione del lettore sin dalle prime righe.

    Nella narrazione non mancano i drammi psicologici, le variazioni in rosa e le perfette descrizioni dei protagonisti. La particolarità di questa grande autrice è che riesce a descrivere in maniera perfetta la quotidianità, immergendo completamente il lettore all’interno della vicenda. Naturalmente, anche in Non chiudere gli occhi non manca la presenza di un cane e un gatto che sottolinea e testimonia l’amore per gli animali dell’autrice.
    La lettura è veloce, piacevole, coinvolgente, e il finale abbastanza di effetto. L’intreccio narrativo è molto solido e, come da regola, il tutto trova spiegazione nelle ultime pagine. L’autrice non lascia nulla in sospeso, lasciando il lettore in una condizione di benessere e appagamento.
    Altro pregio di questo romanzo (come il resto della produzione della Thompson) è che i delitti, le indagini e i drammi psicologici vengono trattati con grazia, senza però tralasciare le tinte forti.
    Un giallo di cui, tra falsi indizi, identità nascoste e colpi di scena, consigliamo vivamente la lettura!

  • 07Set2010

    Edyth Cristofaro - martelive.it

    La sensazione che prova il lettore è di entrare a pieno titolo nella storia, mentre l’autrice tiene perfettamente in pugno il mondo che racconta, con i suoi risvolti e i suoi sbalzi emozionali, rendendo quasi tangibile il lato più angosciante e misterioso del genere umano.
    Natalie, veterinaria, ha appena scoperto il tradimento del suo compagno di vita (e di lavoro), Kenny. Decide di prendersi una vacanza per decidere cosa fare e torna a casa dal padre a Port Ariel (Ohio), un tranquillo paese sul rive del Lago Erie.

    Ma Natalie non fa neanche in tempo a godersi un giorno del suo paradiso che la sorella della sua migliore amica, Tamara, viene uccisa barbaramente. E’ solo il primo di una lunga serie di delitti che vedono coinvolte diverse famiglie della zona (tutte legate tra di loro da vincoli famigliari e oscure vicende del passato), anche Natalie viene orribilmente minacciata e il rischio è che la prossima vittima sia proprio lei.
    Eppure nella piccola città di ventimila abitanti si conoscono tutti, Nick Meredith bel poliziotto newyorkese (vedovo con figlietta) intuisce che c’è una precedente morte all’origine dell’oscura nube di violenza che oscura la città.
    Tra falsi indizi e suggestioni gotiche, fino al finale di sicuro effetto, incredibilmente il caso sarà risolto nel giro di una settimana portando grossissimi cambiamenti di vita per tutti.
    Non chiudere gli occhi, thriller psicologico in puro stile Thompson parla del passato che ritorna, di nebbie che offuscano la ricerca della verità, di fiducia irrimediabilmente tradita, di coraggio (tutto al femminile) e di un amore incondizionato per gli unici amici che non ci tradiscono mai, i nostri animali domestici. Ben giocato lo studio dei personaggi, fondato sul continuo confronto tra passato e presente, questo è un giallo che merita di essere letto e vissuto con trepida e mai distolta attenzione. Azzeccatissimo il tempo di narrazione che passa dall’azione al pensiero in modo così semplice e repentino da far immergere completamente nella psiche di chi vive la storia. Feroce, eppure tenero, ancora una volta abbiamo tra le mani un thriller che parla d’amore e lo fa nel modo più diretto possibile.
    Da leggere, anche dopo aver riposto l’ombrellone…