C’è del marcio

Archivio rassegna stampa

  • 06Ott2008
  • 28Set2008
  • 26Set2008

    Redazione - il Giornale

    How do you explain the huge popularity of your books?

    I don’t know. Probably because I think many people like to have something new and different to read, and my cross-genre potpourri of a series has a lot of different strands and elements to entertain the reader.

    If you like comedy or satire, it has that; if you are a sci-fi fan, then there is something for you here, too. If you are more inclined towards fantasy or romance, well there’s some of that; and if you prefer something that is Crime or Thriller, then that is there too. Mind you, if you enjoy the classics best of all, then you’ll find that too. My books are the Swiss Army Knife of novels; something for everyone. I like to think that I have supped at the great feast of storytelling – and made off with the scraps.

    Non saprei. Forse a tanta gente piace qualcosa di nuovo e diverso da leggere e il mio potpourri di generi letterari ha molti elementi di interesse che attraggono il lettore. Se ami la commedia o la satira, ci sono; se sei un appassionato di science fiction o del genere fantasy o delle trame romantiche c’è un po’ anche di quelli, così come il giallo o il thriller. Ma anche gli appassionati dei classici saranno soddisfatti. I miei libri sono il coltellino svizzero della narrativa, c’è qualcosa per tutti i gusti. Mi piace pensare che ho attinto a piene mani al grande banchetto delle storie e che ho sgraffignato gli avanzi.

    And a strong, though ironic, social denunciation at the same time.

    I enjoy using satire for many reasons. Firstly, it’s a good opportunity for silly jokes and skewed observations. Secondly it’s a good way to comment on the plainly absurd world that we inhabit. Thirdly, it can make a fantasy world recognizable – the problems that my characters encounter are similar to the ones that you and I stumble across as we travel from cradle to grave – lying politicians, rapacious multinationals, faddy popular culture – it’s all fair game.

    Mi diverte usare la satira per molte ragioni. Prima di tutto, offre l’opportunità di fare battute leggere e osservazioni pungenti. In secondo luogo, è un modo per commentare il mondo assurdo e banale in cui viviamo. Terzo, rende familiare un mondo di fantasia: i problemi che affrontano i miei personaggi sono simili a quelli in cui tu ed io ci imbattiamo nel nostro viaggio dalla culla alla tomba-politici bugiardi, multinazionali rapaci, la cultura popolare imperante-tutto può essere un bersaglio.

    Books are the centre of the parallel universes you write about. Is it to denounce that in real world the opposite is the case?

    Luckily, it isn’t. Books are making a slow but definite comeback as the reality show/quiz shows/makeover/cooking programs squeeze drama out of the TV schedules. I think people are becoming jaded by the rubbish on TV and the world in general and are retreating into an unsullied reserve of fine quality, drama – books.

    Per fortuna non è così. I libri stanno tornando alla ribalta in modo lento ma sicuro mentre i reality show, i quiz, gli show dietro le quinte, i programmi di cucina estorcono il dramma fuori dai palinsesti televisivi. Penso che la gente cominci a essere sfiancata dalla spazzatura in TV e nel mondo in generale e si rifugino in una riserva di dramma di buona qualità, i libri appunto.

    In your books there is a strong relation with the classics. So strong that it seems you are warning us we are dismissing them from our culture.

    Not dismissing, but misdirecting. The classics are sometimes good and sometimes wonderful and sometimes rubbish – exactly the same as contemporary literature. What I’m making comment about is how the classics have been taken away from the general reading format and into the ‘study text’ format where they are dissected word for word and analyzed, something you should never do with any book. Like the golden goose, if you take it apart to see how it works, something is lost. I’m also wholly against books being placed on pedestals and made into ‘hallowed ground’. Shakespeare would be appalled if he knew that for the most part, his plays were performed predominately for the intelligensia. That’s why I do what I do – to try and puncture the cloud of pomposity that floats above the classics like a dark thundercloud – it’s like laughing at the back of literature class and asking proper questions, such as how that little twerp Romeo can be so in love with Rosaline, and then two pages later he’s head over heels in love with Juliet.

    Non direi proprio escludendo, piuttosto sfruttando male. I classici sono a volte buoni e meravigliosi, altre robaccia – esattamente come la letteratura contemporanea. Quello su cui rifletto è come i classici siano stati tolti alla normale dimensione della lettura trasformati in testi di studio sezionati parola per parola e analizzati, viene fatto loro qualcosa che non va mai fatto, con nessun libro. come la gallina dalle uova d’oro, se la smonti per vedere come funziona, si perde qualcosa (smette di funzionare). Sono anche completamente contro i libri messi su un piedistallo e preservati in un “territorio sacro”. Shakespeare resterebbe sconvolto se sapesse che nella maggior parte le sue opere teatrali sono rappresentate per l’intellgencia. Questo è il motivo per cui faccio quello che faccio – forzare e forare l’alone di pomposità che aleggia attorno i classici come una nuvola scura carica di pioggia, lampi e tuoni – è come ridere seduti agli ultimi banchi della classe di letteratura e porsi le domande giuste, ad esempio come quello sciocco di Romeo possa essere così innamorato di Rosaline, e poi due pagine dopo aver perso letteralmente la testa per Giulietta.
    How do you relate to contemporary literature? David Foster Wallace died few days ago and we miss him because for many readers his work also represents the pursuit of a social standing of literature…

    I try not to relate to contemporary fiction, and I don’t really believe any writer should. You definitely have to relate to what’s going on in the world, which can often add a satirical edge and a contemporary feel. It’s important not to preach any high social ideals as it’s horribly pompous and self-important. But it’s important to inject themes into one’s books that at the very least offer positive nudges in the direction of areas that an author feels may be lacking in the world today – tolerance of diversity, perhaps, or social inclusion. Authors shouldn’t grandstand their views, but ensure positive views keep blowing in the correct direction.

    Cerco di non confrontarmi con la narrativa contemporanea, e credo che nessuno scrittore dovrebbe farlo. Ci si deve assolutamente confrontare con quanto accade nel mondo, che può fornire spunti satirici e un tocco contemporaneo. È fondamentale non pontificare su alti ideali, perché è terribilmente presuntuoso ed egocentrico. Però è importante introdurre nei propri libri temi che offrano quanto meno spunti costruttivi rispetto ad aree che l’autore percepisce carenti nel mondo contemporaneo – l’accettazione della diversità, per esempio, o l’inserimento sociale. Gli scrittori non dovrebbero declamare le loro opinioni, ma indirizzare visioni positive nella giusta direzione.

    Just a few days ago the Independent wrote about the birth of “bookshop” where literature is used as therapy. In your opinion, can books really help us to heal? Can they change our life?

    Absolutely, and the advent of ‘Book Therapy’ is to be applauded. In a world where people seem increasingly disassociated from each other, books and the emotions they convey seem an excellent way to get back on track. They are immersive, too, and reward concentrated reading with high returns. They also offer good opportunity for discussion – another excellent way to promote social discourse and get people away from the garbage on the TV.

    Assolutamente sì, e l’avvento della “Book Therapy” va applaudito (va accolto con gioia). In un mondo in cui le persone sembrano allontanarsi sempre più le une dalle altre, i libri e le emozioni che suscitano possono essere un’ottima occasione per farle tornare sui loro passi. Sono profondi (aiutano l’introspezione) e ricompensano una lettura concentrata con grande profitto. I libri offrono buone occasioni di discussione – un altro modo eccellente per promuovere conversazioni e per strappare le persone dalla spazzatura che si vede in tv.

    One of your characters declares:“I’ve lived longer with Sabbath by Roth than with my uncles”. Don’t you think this exclusive relationship with literature could be just as dangerous as the alienation brought about by other media? The closer we get the more distant we are

    Not in the English version they don’t! I was always keen to make my books accessible to someone who hasn’t read the classics, so I generally stick to books that the average reader will have heard of. Even if you haven’t read ‘Jane Eyre’ you will still know it is a Victorian romantic melodrama that is classic, and serious and you shouldn’t mess with it – the same as Charles Dickens and Shakespeare. My jokes are less about the books themselves, and more about the way in which they are perceived. I make it okay to laugh with the classics, and that can only be for good.
    Nella versione in inglese no! Ci tengo molto che i miei libri siano accessibili anche a chi non ha letto i classici, quindi solitamente faccio riferimento a libri di cui il lettore medio ha sentito parlare. Anche se non hai letto Jane Eyre sai comunque che è un “melodramma” romantico vittoriano, classico e serio e che non bisognerebbe disturbare (tirare in ballo, provocare) – come Charles Dickens e Shakespeare. I miei giochi riguardano meno i libri in se stessi e più il modo in cui vengono percepiti. Credo che non ci sia nulla di male in una risata sui classici, e che possa solo far bene.

  • 01Gen2008

    David Frati - Mangialibri

    Thursday Next, leader della GiurisFiction, e il comandante Bradshaw, il suo migliore agente, stanno setacciando il mondo dei libri saltando di romanzo western in romanzo western per acciuffare un minotauro fuggito da un libro-prigione fantasy.

    A pagina 73 di Morte al ranch della doppia x la ricerca giunge a termine, ma dopo una drammatica sparatoria e persino l’intervento di un’astronave da battaglia dell’impero zharkiano l’essere mitologico riesce ancora una volta a dileguarsi, e lascia la GiurisFiction a dover tamponare le falle nel romanzo causate dall’operazione. Per Thursday è la goccia che fa traboccare il vaso, e la sua nostalgia per il mondo reale la porta a dare le dimissioni: ha un marito che non esiste perché ‘eradicato’ dal tempo e non sa come farlo tornare indietro, un figlio – Friday – che parla solo in Lorem Ipsum (il finto latino dei web designer), una madre che non vede da molto tempo, l’OPS-27 che la vuole sottoporre a un procedimento disciplinare per aver abbandonato il Corpo senza preavviso, il conto in banca in profondo rosso, i capelli tagliati à la Giovanna d’Arco e un Amleto sul groppone da portarsi dietro per fargli fare un po’ di vacanza… è ora di tornare a Swindon, insomma. Ma il 1988 che trova è molto diverso dal 1986 che aveva lasciato: sua madre ospita in casa Lady Hamilton (la disinibita moglie dell’ammiraglio Nelson) e Otto Bismark (con il quale flirta spudoratamente), la multinazionale Goliath sta convertendosi in culto religioso, il veggente del XIII secolo e patrono di Swindon san Zvlkx sta per risorgere, la scarsissima squadra locale di croquet è arrivata clamorosamente in finale, il cancelliere Yorrick Kaine vuole conquistare il potere assoluto, è in corso una campagna di odio razziale contro i danesi. Se aggiungiamo che Thursday Next si trova assediata dagli stalker (con regolare permesso, s’intende) e scopre ben presto che ha alle calcagna una temibile killer professionista, ecco che questo ritorno a casa appare meno idilliaco di quanto la detective letteraria non avrebbe sperato…
Un po’ Monthy Python un po’ Dr. Who un po’ V per Vendetta, il quarto capitolo della saga di Thursday Next è un fuoco di fila di battute, gag, joke letterari che posiziona le labbra in modalità ‘sorriso fisso’ per tutta la durata della lettura. La trovata migliore? Il talk-show politico intitolato “Schiva la domanda” che assegna punti agli ospiti in base alla quantità di manovre dialettiche scorrette che riescono a portare a termine. Interessante la continuity interna della saga impostata da Jasper Fforde in tempo quasi reale rispetto all’uscita dei romanzi, e naturalmente non potrà non emozionare chi la segue dall’inizio l’evoluzione della storia sentimentale della protagonista con l’inatteso – e denso di sorprese, vedrete – ritorno del marito Landen. Posto che ormai la saga ha virato decisamente verso la commedia abbandonando le pur sfumate atmosfere fantascientifiche degli esordi (e per me questo non è affatto un bene), un capitolo tra i migliori.