Elogio dell’Aria

Archivio rassegna stampa

  • 09Ago2017

    Martellante - martellante.wordpress.com

    Elogio all’aria, decollando

    Sei obbligato a credere che le nuvole abbiamo una personalità, che gli agenti atmosferici siano agenti veri, in “carne ed ossa”, che… sei obbligato a tornare ad un linguaggio semplice e allo stesso tempo denso di immagini. L’opposto di quello a cui si finisce per essere assuefatti crescendo, l’opposto di quei mucchi di parole che soffocano la fantasia.

     

    “Elogio all’aria” è libertá, libertá di vagare nell’aria, appunto, assieme ad Erasmo e Lara, i due protagonisti del libro di Daniela Maddalena pubblicato da Marcos y Marcos e illustrato da Laura Fanelli.

    Dopo poche pagine, seguendo le loro avventure, le strutture mentali che si sono con gli anni incrostate nella mente anche dei lettori piú ribelli, si sgretolano senza fare rumore e ci si trova sospesi in un mondo alieno, molto piú vicino alla nostra natura che quello in cui abitiamo.

    Erasmo è un 13enne strambo, dal naso storto e dalle orecchie supersensibili, adora le patatine fritte e certa musica. E’ quasi fidanzato con Lara, gli rapiscono la zia che si esprime in versi, corteggiata da un ingegnere cattivo, ma poi non per sempre. Per salvarla i due ragazzini salgono su una mongolfiera ed esplorano il cielo, armati di binocolo.

    Leggere questo romanzo, leggerlo e sfogliarlo lasciandosi il tempo di accarezzarne le illustrazioni, con le mani e con lo sguardo, é una sfida alla propria rigidità mentale. Chi piú, chi meno, tutti ne abbiamo un po’, rispetto al nostro io bambino, ciascuno di noi ne ha accumulata un po’, anno dopo anno, nel susseguirsi di letture dovute, parole ascoltate, frasi non dette.

    Liberi tutti! Elogio all’aria! Ed elogiamola davvero, prendendoci una boccata di fantasiosa libertà. Crediamoci, alle vicende della zia rapita e degli stantuffi odiosi, seguiamo i due amici forse anche fidanzati, prendiamo il volo. Sarà a volte difficile, proseguire, se guardandoci da fuori ci verrà da giudicarci, sentendoci dei bambinoni piegati a leggere un libro cosí assurdo e con disegni infantili.

    Sarà difficile, ma sarà ripagato da un senso di potere. Il potere di spaziare ed immaginare, senza badare all’età, senza farsi incatenare da sguardi esterni ma salendo a bordo di un libro, di questo libro. Che elogia l’aria, ed esorta chi la respira, a sentirne appieno il profumo effimero delle mille potenzialità che essa racchiude.

  • 10Lug2017

    Gabriela Lotto - Corriere della sera

    La zia prigioniera delle nuvole, la musica la salverà

    “Nel blu dipinto di blu c’è un intruso. Una pennellata bianca”. Inizia così il secondo racconto di Daniela Maddalena in cui si narrano le avventure di Erasmo, ragazzino tredicenne. In Le avventure di Erasmo. Elogio dell’aria (Marcos y Marcos) l’autrice rivela il viaggio di Erasmo in questo elemento, l’aria, alla ricerca della zia. Erasmo viaggia con Lara, un’amica, quasi fidanzata, su una mongolfiera con un rifornimetno di patatine fritte e binocoli per scrutare il cielo.

    Leggi tutto l’articolo