"

w5x7n2 - nur1w8 - vjqnas - 8uabi1 - 30cnu8 - 8dr0z3 - iilud5 - tvqbj1
14
MAR
2019

Ottanta rose mezz’ora a Libri come

Notizie, idee, curiosità

Dentro c’è lo squallore del presente. C’è la fase densa e bollente di formazione di coppia. Soprattutto, c’è la natura del desiderio, quello autentico, primordiale, che può esprimersi solo quando l’Io non rifiuta di conoscere se stesso.
Giulia Villoresi, il venerdì di Repubblica

Piccola e significativa parabola sullo spaesamento degli affetti nell’era della rete e sulle zone ambivalenti e impenetrabili di cui sono disseminati i rapporti uomo-donna a a prescindere da generazioni e contesti.
Leonetta Bentivoglio, la Repubblica

Un romanzo sfacciato come il sesso e tragico come un sorriso, in cui Cavina racconta, senza risparmiare niente a se stesso, la vita, la disfatta, l’amore.
Antonella Lattanzi, Vanity Fair

SABATO 16 MARZO, ore 18
LIBRI COME
Festa del libro e della lettura
ROMA

CRISTIANO CAVINA
in dialogo con Giulia Villoresi
presenta
Ottanta rose mezz’ora

Auditorium Parco della Musica
Studio 3

Cristiano Cavina ci ha sorpreso con un romanzo inaspettato: OTTANTA ROSE MEZZ’ORA, ora tra i libri proposti per il Premio Strega 2019.
Una storia d’amore tra due giovani sull’orlo del fallimento che scelgono una strada disperata per non precipitare: la prostituzione.
Un romanzo che con brutalità e allo stesso tempo estrema grazia dice molto sull’Italia di oggi, sulla difficoltà dei giovani di tenere lo sguardo fisso sui propri sogni e la continua sensazione di sconfitta. La spaventosa precarietà con cui conviviamo tutti i giorni.
Sammi è l’eroe di questo romanzo, con la sua passione per la scuola di danza, la sua solitudine e le sue decisioni estreme e consapevoli. Ottanta rose mezz’ora è il suo prezzo.

Buona festa del libro e della lettura!