Biblioteca civica Villa Amoretti

La storia

Villa Amoretti nasce nella seconda metà del Settecento come residenza della famiglia Amoretti. Nel 1970 il comune di Torino acquistò la villa, mentre la biblioteca fu inaugurata nel maggio 1977.
Gli interventi di riqualificazione e restauro avvenuti negli anni Duemila hanno permesso l’apertura di nuovi spazi: il padiglione, una struttura di oltre 600 mq che comprende il grande salone di lettura a piano strada, e il blocco dove si trovano l’atrio, gli uffici e i servizi igienici, collocato al piano rialzato. Il collegamento tra il nuovo edificio e la villa è realizzato con un camminamento vetrato che cinge un piccolo cortile protetto, ideale per le attività all’aperto.
Nell’aranciera, splendido edificio costruito negli anni a cavallo tra Ottocento e Novecento come ricovero invernale delle piante di agrumi, è ospitata la consultazione periodici. I lavori di restauro effettuati nella villa hanno consentito il completo recupero dell’edificio storico e degli spazi interni.


Peculiarità

Il piano rialzato della biblioteca ospita l’area accoglienza, gli spazi per i ragazzi, il prestito libri e la consultazione audiovisivi. All’interno del grande salone aulico invece è prevista l’area per le mostre temporanee.

  • Tipologia luogo:Biblioteca

Contatti

  • biblioteca.amoretti@comune.torino.it
  • 011.01138604/5
  • Corso Orbassano, 200, 10137, Torino