Riga 37 – Maurice Blanchot Autori Vari

  • Maurice Blanchot, noi non avremmo voluto rispondere… – Noi non avremmo voluto rispondere che a domande mute, a preparativi di movimento. Ma ci fu quell’improvvisa e fatale trasgressione… L’infinito indeciso e incompreso: un tutto stabilito, che accede e non accede, come la morte, come l’altrove che un fuoco recita all’aria prigioniera. Si avvicina il tempo in cui solo ciò che seppe rimanere inesplicabile
    potrà aver bisogno di noi. Respingere l’avvenire al largo di se stessi per la difesa di una resistenza, il dispiegarsi di un fumo. Tu, o terra, ostenti i tuoi irresistibili dinieghi. Hai frantumato, sepolto, rastrellato! Neppure ciò che rifiutiamo, che ci lascia inerti per la sua impudenza, otterrà da te una dilazione. La notte in cui la morte ci accoglierà, sarà liscia e impeccabile,
    mentre quel lieve scirocco distribuito un tempo dagli dèi diverrà un alito fresco, distinto da quello che, per primo, si era dischiuso da noi. Mantenne la rosa in alto fino al termine delle proteste.

    Narratore, critico letterario, saggista, Maurice Blanchot viene ormai considerato, non solo in Francia ma a livello internazionale, una figura di spicco della cultura novecentesca.

    Riga 37 – Maurice Blanchot

  • Autore: Autori Vari
  • Genere:
  • Collane:
  • Data Pubblicazione: 1/06/2017
  • Numero di pagine: 320
  • Codice EAN: 978871687940
  • Prezzo di listino: 28 €
  • Lingua Originale:

Narratore, critico letterario, pensatore, Maurice Blanchot viene ormai considerato un esponente di primo piano della cultura novecentesca. Le sue opere sono tradotte e studiate in molti paesi, benché in Italia restino ancora inedite o poco note. Ciò vale specialmente per i romanzi e racconti – che sono insoliti e ricchi di fascino –, ma in parte anche per la produzione saggistica. Sono stati soprattutto i filosofi (Levinas, Deleuze, Foucault, Derrida, Nancy) ad attirare l’attenzione sull’originalità e importanza dei libri blanchotiani, contribuendo a farli conoscere. Ciò era necessario in quanto Blanchot non ha mai voluto essere una figura pubblica, pur non estraniandosi dalle vicende politiche del suo tempo.
Negli anni giovanili è stato collaboratore di giornali di destra, per poi spostarsi, dopo il secondo conflitto mondiale, sul fronte opposto, prendendo posizione contro la guerra in Algeria e, più tardi, a favore del movimento studentesco nel maggio 1968. Come critico letterario ha dato un contributo determinante alla comprensione di autori come Mallarmé, Lautréamont, Rilke, Kafka, Bataille, Char, Beckett, ma la sua competenza e la sua sicurezza di giudizio gli hanno consentito anche di rileggere diversamente autori classici, nonché di cogliere e valorizzare tutto ciò che di nuovo appariva in quegli anni. Paradossalmente, Blanchot ha esercitato un influsso notevole pur rifiutando ogni forma di presenzialismo e di visibilità mediatica, convinto che la persona dell’autore dovesse cancellarsi a favore della scrittura stessa. Da qui il suo rifiuto di mostrare proprie foto, di concedere interviste, di parlare alla radio o in televisione. Tutto ciò ha fatto di lui, come ha osservato un suo autorevole estimatore, Roland Barthes, la figura-simbolo di un certo “Eroismo letterario”, espressione da intendersi come “l’attaccamento intrattabile a una Pratica, cioè la rivendicazione, contro il mondo, di un’autonomia, di una solitudine”.

Questo numero di «Riga» presenta molti testi di Blanchot inediti in italiano (brani di opere narrative, scritti saggistici, lettere). Comprende inoltre omaggi di scrittori e importanti contributi di filosofi e critici (Levinas, Klossowski, Bataille, Starobinski, Laporte, Derrida, Nancy, Stiegler, Bident, Didi-Huberman). Ulteriori analisi di aspetti specifici dell’opera sono state redatte da studiosi italiani appositamente per il fascicolo, che si conclude con gli interventi visivi di due artisti, João Louro e Pietro Fortuna.