Playboy a Miami Charles Willeford

  • Assaggio del libro non disponibile.

    "Uccidere un uomo, che sia necessario o meno, per rabbia o a sangue freddo, è il punto di svolta nella vita del maschio americano. Finalmente mi aveva reso membro di un club spregevole e depravato, un club a cui non avevo chiesto di appartenere, a cui non avevo presentato domanda, ma di cui ormai facevo parte, così come si accetta una carta di credito non richiesta arrivata per posta e la si infila nel portafogli".

    Charles Willeford Playboy a Miami

  • Autore: Charles Willeford
  • Genere:
  • Collane:
  • Titolo Originale: The Shark-Infested Custard
  • Data Pubblicazione: 8/02/2007
  • Numero di pagine: 320
  • Codice EAN: 9788871684536
  • Prezzo di listino: 15 €
  • Lingua Originale:

A Miami, tra giovani single piuttosto ben messi, non è difficile godersi la serata a suon di biliardo, strafottenze, scommesse assurde. Ma se una scommessa porta te e i tuoi tre amici ‘giusti’ nel posto sbagliato, per esempio un cinema drive-in, nel momento sbagliato… Se, poniamo, vi ritrovate in macchina il cadavere di una minorenne che, rimorchiata dal più ganzo al drive-in, è appena morta di overdose, non è detto che tu o i tuoi fantastici soci facciate la cosa giusta. Non è detto che, messo alle strette, uno di voi non cacci tutti definitivamente nei guai, magari premendo il grilletto e mandando al creatore un tizio che sfruttava la ragazza. E se anche tutto andasse per così dire liscio, nessuno vendicasse quelle morti, nessuno sbirro vi sbarrasse la strada, non è detto che questo significhi che la farete franca. Meglio tenere gli occhi bene aperti, invece. Non è detto che la minima ulteriore cazzata non scateni un uragano. Quando si comincia a vivere sul filo del rasoio, è difficile che la lama prima o poi non sfoderi un taglio netto e micidiale…

“Playboy a Miami” è un romanzo spietato, lucido, incalzante sulla bestialità della vita umana nelle metropoli americane. Una folgorante gimcana sulla sottile linea oscura che separa una vita agiata, rispettabile, ‘regolare’, da un inferno in cui è fin troppo facile districarsi, incredibilmente impuniti, con cinica eleganza.