"

w5x7n2 - nur1w8 - vjqnas - 8uabi1 - 30cnu8 - 8dr0z3 - iilud5 - tvqbj1

L’inguaribile Tommaso Soldini

  • 14 giugno 2024 1. La fiaba della buonanotte Si erano sempre vantati di essere diversi da tutti gli altri. Loro non erano questo, non erano quello, non si comportavano come. Bisogna ammettere che, almeno nella scelta del quando e del come annunciare la richiesta di divorzio, dunque la fine della loro vita insieme, Gemma si era rivelata originale per davvero. Marito e
    moglie stavano tranquillamente, come facevano spesso, leggendo a due voci un romanzo alle loro figlie, che intanto, stringendo tra le braccia i propri animali pezzati, lottavano tra i diversi stati della coscienza. Sonno, dormiveglia, veglia. Ifigenìa, la maggiore, teneva i piedi in alto, tesi contro le liste del letto di Veronica; spingeva con tutta la forza che aveva per disturbarne
    la progressiva discesa nell’abisso. I suoi sforzi erano tali che non solo non riusciva a raggiungere lo scopo – Veronica adorava quel surplus di coccole alla schiena che la cullavano – si impediva anche di abbandonarsi appieno alla lettura del racconto, indubbiamente il momento preferito della sua giornata. Con un orecchio Ifigenìa ascoltava le parole pronunciate con cadenza cantilenante, con
    l’altro si proiettava al piano superiore, certa di cogliere ogni respiro di fastidio. La convinzione era tanta che quasi confondeva il piacere con la sofferenza, e si addormentava felice. Entrambe raggiungevano la pace. Quella sera, nella stanza semibuia, Michele e Gemma leggevano Il fantasma di Canterville, sicuri che quella strana storia avrebbe trasmesso qualche buon valore alla loro prole. Ma arrivati
    al punto in cui Virginia trova l’insonne spettro nella Sala degli Arazzi, Gemma introdusse una variante: “Oh, signor fantasma, cioè sir Simon, hai fame? Ho un panino nella borsa, non lo gradiresti?” “No, grazie, adesso non mangio niente; ma è lo stesso molto gentile da parte tua, sei molto più carina del resto della tua orribile, rozza, volgare, disonesta famiglia”. “‘Basta!’ gridò Virginia
    pestando il piede. ‘Sei tu rozzo e orribile e volgare e, se parliamo di disonestà, lo sai bene di aver tu rubato gli anni migliori della mia vita’”. Michele rimase esterrefatto da quell’innesto, che non ricondusse immediatamente a sé stesso. Forse Gemma stava saggiando la sua capacità di improvvisazione, cercò in fretta e furia il modo di ritornare alla lettura originale.
    “Neanche volendo avrei potuto rovinare i migliori anni della tua vita, che ti assicuro sono ancora a venire” disse non senza un certo compiacimento per la propria presenza di spirito. Ma dovette allibire quando sentì: “E tu sei proprio sicuro che ne farai parte?”

    Doveva per forza essere così, Gemma non lo stava tradendo, lo aveva volutamente spinto a seguirla, si era fatta riconoscere apposta, quel cappello era come una scritta di suo pugno sul muro di una grotta, un richiamo.

    Tommaso Soldini L’inguaribile

  • Autore: Tommaso Soldini
  • Genere:
  • Collane:
  • Data Pubblicazione: 29/01/2020
  • Numero di pagine: 320
  • Codice EAN: 9788871689302
  • Prezzo di listino: 17 €
  • Lingua Originale:

In uscita il 29/01/20

Gemma l’ha cacciato di casa,
Michele non capisce perché.
Si rifugia nella cronaca giudiziaria,
indagando su un neonazista assassino.
Ma Gemma vuole pericolo e sangue,
e lo attira nel labirinto di uno swinger club.


 

“Doveva per forza essere così, Gemma non lo stava tradendo, lo aveva volutamente spinto a seguirla, si era fatta riconoscere apposta, quel cappello era come una scritta
di suo pugno sul muro di una grotta,
un richiamo”.


Quando Gemma lo lascia all’improvviso,  Michele si sente mancare la terra sotto i piedi.
Schivando la collega Giorgia, pronta a offrirgli consolazione, si immerge nel suo lavoro al giornale, dove scrive lunghi articoli di cronaca giudiziaria.
Il caso scottante di Roby Ratter, noto neonazista che prima truffa un amico e poi cerca di ucciderlo per non farsi smascherare, gli offre un’illuminazione inaspettata.
Ma Gemma scompagina ogni tentativo razionale di comprendere, dileguandosi, con il suo inconfondibile cappello rosso, oltre la  porta di uno swinger club.
Michele la segue ciecamente.
Come un fiabesco cavaliere innamorato, sventa tranelli, affronta labirinti, si crede capace di superare ogni prova per riconquistarla.