w5x7n2 - nur1w8 - vjqnas - 8uabi1 - 30cnu8 - 8dr0z3 - iilud5 - tvqbj1

L’indifferenza naturale Italo Testa

  • minerale - il mattino è acqua che fermenta, / l’anima minerale già sepolta / sotto il telo grezzo della melma / brano a brano si sfalda; // l’occhio umido si apposta / sotto il ventre piatto di una barca, / il sonno l’avvolge come un’alga / untuosa e marcia; // fa paura vedere quanto è bianca / la barena e
    su tutto un gelo / spalmato sulle stoppie come biacca / su un fondo seppia; // il mattino è luce che s’imbianca / raccolta nelle falde della nebbia, / in un lago di brina il cuore annega / avvolto nella sabbia.

    "e non ti chiamo per nome / ma ti penso come a una cosa buona / e intensa e luminosa e viva / che una sera su un argine s’è accesa."

    Italo Testa L’indifferenza naturale

  • Autore: Italo Testa
  • Data Pubblicazione: 17/05/2018
  • Numero di pagine: 128
  • Codice EAN: 9788871688268
  • Prezzo di listino: 20 €
  • Lingua Originale:

In un paesaggio aperto, luminosamente prossimo e distante, la vita ignota fermenta dai fossi; ma è vita in bilico tra costruzione e sottrazione, tra abbandono e desolazione. Nulla, nella luce che irradia dal cuore di questo libro, luce d’acqua e di neve, luce selvatica d’ailanto e di barena, nulla parla di idillio: tutto è stupendamente indifferente, sordo al turbamento umano, alla fatica dell’essere che in quel paesaggio si muove a tentoni, ammirato e annichilito. Così un grande fondale naturale accoglie senza neppure avvedersene il desiderio di felicità dell’esistenza, il suo tentennare tra pieno e vuoto. Come un grande linguaggio segreto e perturbante, sommosso tuttavia dalla tensione dello sguardo che lo fruga: tensione che sarà di parola mai ovvia e di ritmo costantemente sperimentato, tensione appena dissimulata dietro la conquistata trasparenza, che a tratti rasenta il gelido nitore, del verso. A questo splendore muto / che m’allontana / a questo terrore / che mi richiama: così, nella lucida coscienza di una preda, rintoccano le forze oppositive da cui L’indifferenza naturale di Italo Testa è felicemente attraversata.