La grande battaglia musicale Carlo Boccadoro

  • Benvenuti a notina. Se guardate anche con la massima attenzione una mappa del vostro paese, probabilmente la città di Notina non riuscirete a trovarla. È molto piccola, non sempre compare sulle carte geografiche o sui mappamondi, ma basta tendere l’orecchio per riconoscerla perché a Notina la musica è sempre nell’aria. Dalla finestra di una casa arrivano le note d’argento dei campanelli di
    qualche bambino; dietro una curva nel corso principale, vicino alla scuola di musica, appaiono gli svolazzi di flauti, trombe, clarinetti e violini, mentre in lontananza delle scale di pianoforte volano oltre i muri di un palazzo: i gorgheggi di un soprano provenienti dal cortile vicino al municipio si uniscono alle voci dei bambini che giocano per la strada. A Notina, infatti,
    tutti sono appassionati di musica. Anche chi fa altri lavori, come il vigile del fuoco Smorzato, oppure il fruttivendolo Mezzopiano e il bottegaio Mezzoforte (sono cugini), comincia la giornata ascoltando la radio oppure i dischi, a volte canta, o compone canzoni: tutti i cittadini, appena possono, si ritrovano per suonare o cantare assieme formando trii, quartetti, quintetti, settimini, ottetti, nonetti,
    decimini e persino una banda, diretta dal celebre maestro Bacchettafrolla. Insomma, nel cielo di Notina tanti suoni colorati si mescolano per tutta la giornata. A Notina, si vive un’esistenza pacifica, non a caso si trova in provincia di Accordo, che si chiama così perché tutti vanno d’accordo e quando si mettono a discutere riescono sempre a fare la pace in
    fretta. A scuola la musica è una delle materie principali, naturalmente; anche la storia degli strumenti e la vita dei grandi compositori piacciono molto agli alunni. A Notina c’è anche una fattoria, con diversi animali anch’essi appassionati di musica: il più celebre è il gallo Decibel, famoso in tutto il vicinato per la forza e il volume del suo canto; quando all’alba
    decide che la giornata è iniziata, le vibrazioni del suo chicchirichì fanno cambiare il colore delle foglie degli alberi davanti al suo pollaio. Così un giorno questi alberi sono verdi, quello dopo sono blu, quello dopo ancora sono rossi, poi gialli, arancione, argento e così via. Il parco è sempre ricco di colori diversi che piacciono molto ai bambini che
    vengono a trovare gli animali.

    “‘Ma quanto dura un arcobaleno, in un posto?’ ‘Dura finché c’è anche un solo bambino che continua a sognarlo’.”

    Carlo Boccadoro La grande battaglia musicale

  • Autore: Carlo Boccadoro
  • Genere:
  • Collane:
  • Data Pubblicazione: 22/10/2015
  • Numero di pagine: 144
  • Codice EAN: 9788871687339
  • Prezzo di listino: 15 €
  • Lingua Originale:

La grande battaglia musicale
e altre avventure sonore

A Notina la musica è sempre nell’aria.
Esce dalle finestre della scuola, dove i bambini battono le mani sui banchi e pestano i piedi per terra al segnale del maestro Gong; si alza dai giardini pubblici, dove gli Urletti si trovano a cantare; riempie la piazza ogni domenica con la banda del maestro Bacchettafrolla.

Gli abitanti di Notina hanno la musica in testa.
Clarone corre più veloce della pioggia, perché al momento giusto deve essere là, con il suo cannoncino, a far partire l’arcobaleno. A casa, per riposare, suona il clarinetto basso, intrecciando duetti con l’ottavino di suo figlio Pirulì.
Il giudice Registro sembra serio e taciturno, ma la sera, in tribunale, quando tutti sono andati via, riempie ciotoline di cibo per i suoi amici gatti, tira fuori la chitarra e si lancia in un rock scatenato.
Viola sogna di suonare il contrabbasso, si fa le collane con le note e progetta una casetta da concerto sull’albero insieme a Pirulì.

A Notina la musica mette tutti d’accordo.
Una notte, però, spuntano strani manifesti sui muri di tutte le case.
Il maestro Leon de Trombòn, con un’orchestra grandissima, vuol sfidare la banda del maestro Bacchettafrolla!
Tutta Notina ne parla.
Il gran giorno della battaglia musicale Leon de Trombòn entra in piazza con più di cento musicisti, come un generale alla testa del suo esercito.
La grande sfida sta per cominciare, ma… dove sono finiti Bacchettafrolla e la sua banda?
Shhh! Dall’alto si sente un ronzio sempre più forte.
È la banda di Bacchettafrolla che scende dal cielo con tanti paracadute e un’arma segreta.
Come finirà la grande battaglia musicale?

Avventure fatte di note, sogni e tutti gli strumenti dell’orchestra.

The great musical battle

and other sound adventures