Il nervo di Arnold Fabio Pusterla

  • Assaggio del libro non disponibile.

    Il nervo di Arnold unisce il rigore metodologico all'affabilità del linguaggio, l'attenzione critica allo sguardo che insegue una prospettiva più vasta, che parla di resistenza e di speranza.

    Fabio Pusterla Il nervo di Arnold

  • Autore: Fabio Pusterla
  • Genere:
  • Collane:
  • Data Pubblicazione: 1/03/2007
  • Numero di pagine: 400
  • Codice EAN: 9788871684772
  • Prezzo di listino: 22 €
  • Lingua Originale:

Quest’opera di Fabio Pusterla, tra le voci poetiche più interessanti e seguite degli ultimi decenni, propone un itinerario ampio e avventuroso attraverso i libri e gli autori del mondo contemporaneo.

Libri di poesia, per la maggior parte; ma anche romanzi, saggi, fenomeni culturali. Dalla cultura italiana del secondo dopoguerra al panorama francese, dominato dalle due grandi figure di Yves Bonnefoy e Philippe Jaccottet; dalle voci letterarie che nascono apparentemente ai margini, come quella di Agota Kristof, alla città di Lisbona, di cui ci parla il poeta Nuno Júdice; dalla periferia urbana alle splendide campagne di Robert Walser; dalla folle vertigine di Moosbrugger alle trasformazioni politiche e culturali che hanno mutato il volto di una particolare regione dell’italianità elvetica, il Ticino: le letture di Pusterla attraversano l’Europa e la modernità, partendo dalle concrete esperienze letterarie, dall’umiltà di un costante dialogo con il testo.

Se la parola poetica è stata oscurata, e trascinata negli ultimi decenni sul bordo estremo della cultura contemporanea, è a partire da quel luogo che Pusterla parla, e suggerisce che proprio lì, lontano dal centro, qualcosa di nuovo sta accadendo, qualcosa a cui non si può ancora dare un nome ma da cui dipende la sopravvivenza della nostra coscienza.

Libro di saggi, dunque, ma anche di narrazione d’autore, Il nervo di Arnold unisce il rigore metodologico all’affabilità del linguaggio, l’attenzione critica allo sguardo che insegue una prospettiva più vasta, che parla di resistenza e di speranza. E l’immagine che meglio riassume lo sforzo dell’autore è quella di un armadio scolastico, dietro la cui porta si nascondono pochi libri. Ma quando la porta si apre, quando quei libri vengono letti da qualcuno, si spalanca come una prateria il territorio sonfinato della vera letteratura, che dà voce al mondo.