Elogio dell’Aria Daniela Maddalena

  • Dove inizia la nostra ariosa avventura – Nel blu dipinto di blu c’è un intruso. Una pennellata bianca. Si muove, lentamente. Forse dal paradiso si staccano petali di gelsomino. Preferite una cicogna con un cesto di bambini? Avviciniamoci. Un grosso insetto gonfio come un pallone. Ma è un pallone vero! Dalla pancia sporge qualcuno. Eh?! Ma come fa questo ragazzino
    a trovarsi sempre in posti strani? Dico, un bel ciclo di cartoni giapponesi? Un gelato in una normale gelateria? Una partita di calcio nel campetto della parrocchia? Eccolo qui, Erasmo. Sapete, fa solo quello che vuole lui, senza interpellarmi. Tredici anni, orecchie mobili e super sensibili come quelle dei gatti, occhioni verdi, naso un poco inclinato a destra, creatura assai
    vivace con una grandissima passione per la musica. Un momento, non è solo. Avviciniamoci di più. Una ragazzina. Non posso crederci! Capelli lunghi, sorridente. Allora si sono davvero rivisti. Lara! Poi si dice che i ragazzi non hanno sentimenti duraturi. Erasmo e Lara si sono conosciuti dentro un pescecane, cosa piuttosto indimenticabile. Si saranno scritti per posta elettronica? Erasmo sarà
    andato a trovarla sul lago di Como? Lei porta al polso il bracciale di piccole stelle marine che lui le ha regalato quando si sono dovuti salutare, al termine dell’avventura nell’Acqua. Eccoli qui, su una mongolfiera colorata a centinaia di metri da terra. Volare, oh, oh. Erasmo porta un berretto da marinaio. Forse lo aiuta a districarsi nel mare di
    nuvole. Forse invece si trova in un mare di guai. Lara porta spesso un binocolo agli occhi, e immobile scruta l’infinito per lunghi minuti. Ogni tanto passa un aereo, stormi d’uccelli, piccole nuvole a forma di caramelle. Erasmo ne afferra una, la scarta e la offre a Lara. Poi rimette in cielo la carta stropicciata, che rimane sospesa come una
    nuvola più rugosa. Ma dove vanno? A cercare la zia. Erasmo ha un talento per perdere le persone care. Forse sono loro a perdersi da sé. Indagheremo meglio. Sta di fatto che Erasmo non può non cercare sua zia, la leggendaria zia che l’aveva accompagnato a nuoto, in lungo e in largo per il mare, quando a perdersi era stato...
    ehm... il padre d’Erasmo, capitano di lungo corso. La zia si è rivelata una nuotatrice tostissima. Ma è bene ricordare la sua vera specialità. Quando era ragazza, a scuola, adorava le ore di antologia. Le aspettava con impazienza, e ricordava le poesie e i racconti a memoria, come fossero canzoni. Era diventata un’accanita lettrice di libri e una mattina si
    era svegliata con una lingua nuova: le rime poetiche. La zia si esprime solo in rime. Per lei è normale così. Ora però è sparita proprio lei! Che fareste voi?

    “Mai gettare qualcosa in cielo. Tornerà sulla testa”.

    Daniela Maddalena Elogio dell’Aria

  • Autore: Daniela Maddalena
  • Genere:
  • Collane:
  • Data Pubblicazione: 20/04/2017
  • Numero di pagine: 144
  • Codice EAN: 9788871687834
  • Prezzo di listino: 14 €
  • Lingua Originale:

Erasmo ha tredici anni, naso appena storto, orecchie supersensibili e mobili come quelle dei gatti; adora la musica e le patatine fritte.
Gli capitano sempre cose estreme.

Nel libro che racconta la sua prima avventura, Elogio dell’Acqua, il suo papà era scomparso in mezzo al mare, e lui si era tuffato per andarlo a cercare, con la complicità della zia, una signora stravagante che parla solo in rima.

Adesso è sparita proprio lei, in Aria, rapita da un dirigibile.

Cosa fareste voi?

Erasmo si è tuffato nel vento, a bordo di una mongolfiera.

Non è solo, per fortuna; con lui c’è Lara, capelli lunghi, faccia sorridente, coraggio da vendere.

Si sono incontrati nella pancia di un pescecane, nel libro precedente, e sono diventati amici, forse fidanzati.

Insieme esplorano il cielo, armati di binocolo.

Ecco il primo messaggio in rima, su una nuvola: la zia è prigioniera di Cirròstrato e Nebulosa, nuvole inquinate che regnano nell’Isola dei rifiuti.

Come trovarli?

I nostri eroi affronteranno i misteri delle stelle, le arguzie di un merlo psico-mago, il risveglio degli dei dell’Olimpo, e perdendo la gravità
scopriranno:

che chi non muore si rivede;
che la paura è un grande allenatore;
che i castelli in aria nascondono insidie;
che con la musica funziona sempre.

Le avventure di Erasmo per i cinque elementi continuano:
la prossima è nel Fuoco.

Illustrazioni di Laura Fanelli

Erasmo’s adventures. The praise of the air.