E’ difficile essere un dio Arkadi e Boris Strugatzki

  • Assaggio del libro non disponibile.

    “Improvvisamente fu colpito dal dubbio di non essere affatto un dio che li proteggeva con la sua mano, ma piuttosto un fratello che aiutava un altro fratello o un figlio che correva in soccorso del padre”.

    Arkadi Strugatzki E’ difficile essere un dio...

  • Autore: Arkadi e Boris Strugatzki
  • Genere:
  • Collane:
  • Titolo Originale: Trudno byt’ bogom
  • Data Pubblicazione: 25/08/2005
  • Numero di pagine: 240
  • Codice EAN: 9788871684093
  • Prezzo di listino: 14 €
  • Lingua Originale:

“Stringi i denti, e ricordati che sei un dio in incognito”.
Se lo ripete spesso ciascuno dei duecentocinquanta ricercatori terrestri sbarcati su Arkanor, pianeta oppresso dalla bestialità medioevale.
Il pianeta nuota nell’ignoranza, in un pantano sanguinoso fatto di cospirazioni e avidità. Basta essere intelligenti, mostrare qualche dubbio, non adeguarsi al conformismo più piatto per finire nelle maglie tremende delle milizie imperiali.
Sulla Terra, intanto, la vita procede in modo idilliaco, tutto è pace, armonia, conoscenza e creatività.
Alcuni fra gli stranieri in missione su Arkanar vorrebbero intervenire, liberare quel popolo dalla tirannia e dall’ignoranza, altri sono invece convinti che sia inutile, soprattutto eticamente discutibile intromettersi pesantemente nelle vicende di un’altra civiltà, per quanto allo sfascio, solo perché si è più evoluti e potenti.
Ma accettare questa posizione da “storici fuori dalla storia” si fa sempre più difficile: è faticoso continuare a vivere come clandestini, anche perché – per fortuna! – il coinvolgimento sentimentale con gli abitanti del pianeta cresce progressivamente…
Per noi, invece, non è difficile vedere più di un’analogia fra il totalitarismo di Arkanor e le infinite varianti, per quanto nascoste, che la tirannia assume nel nostro pianeta.

Dagli autori del celebre Picnic sul ciglio della strada, un romanzo in cui l’umanità del futuro continua ineluttabilmente a confrontarsi con i nodi di sempre: la volontà di dominio, il desiderio di conoscenza, la superstizione.
Un’umanità drammaticamente in bilico fra le tenebre e la luce.