29
GEN
2015

La voce di A con Zeta

Notizie, idee, curiosità

C’è una bambina di nome Derdâ: deve abbandonare la scuola e il suo villaggio in Turchia per seguire a Londra un marito crudele. C’è un bambino di nome Derda: vive in una baracca dietro un cimitero di Istanbul e si guadagna il pane lucidando le tombe. Come la A e la Zeta, non potrebbero essere più lontani, e in mezzo ci sono tutte le parole che devono ancora dirsi.
Derdâ corre per le vie di Londra con un dizionario in mano; si è guadagnata la libertà facendo la pornostar in chador. Derda si fa tatuare il nome di uno scrittore sulle dita; corre per le vie di Istanbul con un romanzo in tasca e una pistola in pugno. Loro non lo sanno, ma si stanno correndo incontro.
Lui troverà lei in un video porno; lei troverà lui all’incrocio tra letteratura e vita.
Si riconosceranno grazie a un libro, a unirli per sempre saranno i corpi e le parole; come la A e la Zeta, saranno l’una per l’altro inizio e fine.
Un romanzo tenerissimo e insolente.

Dalla Turchia arriva la meravigliosa storia di Derdâ e Derda. Siamo orgogliosi di poter pubblicare in Italia un autore come Hakan Günday, giovane stella della letteratura turca.

 Accompagniamo l’uscita di questo romanzo con un brano audio, letto da Federica Carra. Non sarà l’ultimo…

Ecco la pagina del romanzo: A con Zeta.

Intanto buona lettura e buon ascolto!

 

Federica Marra