10
MAR
2016

La “fata” Lemebel dalla parte del legno storto

Notizie, idee, curiosità

E accadde che di punto in bianco il tronfio dittatore stirò le zampe, e accorsero generali, gendarmi, cadetti e tutta la fanfara militaresca al barrio alto, battendosi il petto per la clamorosa morte dell’orco cileno. Un gran rutto, una scorreggia funebre, e finalmente l’incubo golpista lasciò questo mondo.

Accendersi una sigaretta in pieno aeroporto, perdere il toupet nel modo più imbarazzante.
E Aloma che a più di settant’anni rintraccia con internet un antico amore e va a vivere con lui davanti al mare, e Lindorfo che dopo aver messo le corna a tutti i ragazzi del paese riceve, sulla spiaggia, una punizione collettiva ed esemplare…

Torna in libreria uno dei nostri autori più amati: Pedro Lemebel.
Parlami d’amore raccoglie le ultime cronache che ha scritto.
Piene di un amore sorridente e sconfinato per la bellezza annidata ovunque, per la giustizia calpestata, per questo mondo pieno di ipocrisie, menzogne e formidabili atti di coraggio, che Pedro racconta «con la stessa lingua variopinta, con la stessa intelligenza sferzante, con la medesima, pietosa resa incondizionata alla vita», come scrive Antonio Scurati, sulle pagine de La stampa.

Buona lettura!

Leggi l’articolo completo di Scurati su La stampa.

Parlami d'amore_LaStampa_280216