"

w5x7n2 - nur1w8 - vjqnas - 8uabi1 - 30cnu8 - 8dr0z3 - iilud5 - tvqbj1
19
APR
2019

In tre ad attenderti

Mondo delle librerieSlider home

 

Entri, e senti la voce di uno scrittore che ti chiama da lontano.
Scorri i ripiani, e ti accorgi che le copertine dei libri vengono da almeno cento case editrici diverse.
Sosti al banco, e noti che sullo scaffale sotto i vini c’è la più ricca selezione di amari del quartiere. Non manca nulla per godersi due ore in mezzo alle parole.
L’autore che arringa morbidamente la confraternita di curiosi.
I curiosi che lo seppelliscono di domande, vanno a stringergli la mano, lasciano il posto a quelli della sera.
Una tipa asserragliata dietro al computer, vicino all’ingresso, che batte a tutto spiano.
Giorgio arriva felpato con il vino, pronto a raccontare o a suggerire.
Inizia a raccontare, le mani e le braccia corrono dappertutto, come se dovessero inseguire i pensieri. Ti ascolta a testa un po’ inclinata, accoglie le domande: tre secondi di silenzio e riparte ancora più veloce.
Entusiasmo puro – e competenza – che ti mette voglia e allegria.
Un editore si aggira per capire se i libri si sono un po’ mossi negli ultimi mesi, godersi a sua volta un po’ di Confraternita.
Sono in tre, ad attenderti, qui dentro.
Accoglienza, Competenza, e il Sorriso buono delle tre persone che tengono viva quest’oasi nel cuore della città.
Uno si rende conto di quanto ce n’è bisogno, di luoghi simili.
Senza uno spartiacque chiaro che separa concentrazione e convivialità, parole e suoni, libri e vini.
Per questo uno ci torna così volentieri.
Si comprerebbe la vecchia polaroid o il mappamondo, non sapesse che sottrae un pezzetto importante dell’allestimento.
Comunque: seimila libri scelti, messi in fila uno a uno, seimila possibili consigli che ti arrivano anche senza che Giorgio apra bocca.
Non servono duecento metri quadri per far bene il libraio.
Bastano cinquanta metri di scaffali, dieci di banchi che parlano chiaro.
Basta nutrire una comunità di incontri che hanno senso.
E un lavoro fitto fitto per render tutto comprensibile, usabile, godibile.
In via Cartoleria 20, a Bologna, ce la stanno facendo.
La comunità cresce, i libri si vendono, le idee si mescolano al sapore cordiale del vino, che Antonio sa bene come scegliere, a che cibo abbinare.

La confraternita dell’uva // Libreria – Cafè – Wine Bar