06
GIU
2016

Giugno in casa Marcos: novità, festival e Letti di notte

Questo mese

A maggio i libri Marcos ci hanno tenuto decisamente in movimento.

Con settecento studenti ad Arezzo, il 23 maggio, per il BookSound Fest, ultimo atto del progetto BookSound, abbracciato da 107 scuole in tutta Italia.
Dal vivo è un’esperienza indimenticabile, parole che vibrano nella pancia, ritmo e suono; restano i video straordinari realizzati dagli studenti, per tutti quelli che pensano che i ragazzi, volendo, sono tutt’altro che sdraiati.
Pioveva, come ogni giorno ormai da settimane, ma il Teatro Vasariano ci ha accolto nella splendida piazza Grande; settecento studenti hanno battuto mani e piedi a ritmi alternati sotto la direzione del maestro Boccadoro, hanno alzato le dita nel saluto metallaro per il selfie collettivo di Cristiano Cavina, hanno sentito Shade raccontare come è sempre possibile realizzare un sogno.

Poi c’è stato un corso di editoria particolarmente affollato e appassionato; fuori i temporali e noi riuniti nell’aula luminosa dei Frigoriferi milanesi intorno alla forza del libro. Ci siamo messi a inventare cose nuove nuovissime… stay tuned. Per ora le parole chiave: “A qualcuno piace Marcos”

L’ultimo giorno di maggio è arrivato in casa editrice David Thomas, che finora conoscevamo solo attraverso le voci accese e stralunate dei personaggi dei suoi libri.
Con La pazienza dei bufali sotto la pioggia abbiamo fatto merenda al chiuso anziché in terrazza, non siamo riusciti a fargli confessare dietro quale personaggio si nasconde; a Torino, il primo giugno, alla libreria Therese è stata una grande festa: circondato dalle sue “voci” italiane, ossia dai suoi traduttori, lo abbiamo visto felice come un bambino.
Ci siamo detti grazie ed era vero: un motivo in più per dire, tutti, Non ho ancora finito di guardare il mondo.

Giugno arriva a trecento all’ora, sull’Audi gialla che ha attraversato il Nord Italia per poi dileguarsi nel nulla.
Pericolo giallo è il nuovo romanzo di Fulvio Ervas, il settimo con l’ispettore Stucky, impegnato questa volta in un giallo sul giallo: l’Audi che impazza nel Veneto, e i cinesi, che gialli poi in realtà non sono, ma pericolosi a volte moltissimo, che gestiscano bordelli o relazioni d’alto bordo.
Fulvio Ervas sogna spesso di volare, e nei suoi romanzi ha un tocco lieve, ci sono sempre buoni vini, e boschi, e momenti dove la vita è vita pura.
Usa il giallo per esplorare il territorio, sentire falle, il ventre molle, ma anche punti netti di reazione, di resistenza vitale.
L’Audi gialla, rombando contromano, sfuggendo tra le dita, tocca nodi nascosti, pensieri rimossi, li fa venire a galla; costringe a guardarli, e questo aiuta a scioglierli.
E anche qui, tira aria di nuovo, amici: non perdetevi i 30” di animazione che Roberto Bertolini con Lorenzo Lanzi – il nostro major illustratore di copertina – hanno regalato al romanzo giallo shocking di Fulvio.

Una nuova raccolta di poesie per Le Ali, la collana curata da Fabio Pusterla: dopo E io che intanto parlo di Anna Maria Carpi tocca a Rubrica degli inverni di Paolo Lanaro. Luca Mengoni, questa volta, per la copertina ci offre rami ghiacciati. Il caldo a un certo punto arriverà anche quest’anno, e allora ci saranno di conforto, con le parole che aprono miraggi di vacanze realmente alternative: “Fosse per me, ostacolerei gli effetti / del sapere sul non-sapere. / Leggere riviste e giornali mi porta sempre / a confondermi in questo e quest’altro, // a sognare villeggiature esotiche, / donne in reggiseno, appartamenti con luce su colline dorate. / Fosse per me / guarderei una foglia a lungo, // la tenerezza e l’angolo deciduo, / ne studierei il verdecupo inestimabile, l’assenza quieta di volontà / di diventare qualcosa”.

Be’ ma mica finisce qui, il giugno Marcos; intanto ricordiamo a tutti che quest’anno, la grande Kermesse di Massenzio si apre con nientepopodimeno che Claudio Magris e il “nostro” Hakan Günday: che brivido. Poi, il brivido che corre in tutta Italia sabato 18 giugno. Torna infatti la magia di Letti di Notte, che si gioca in più di 200 librerie, biblioteche, Festival di vario genere e specie. Per la prima volta, un tema: il 18 giugno, le librerie “diventano” città. Quali? Trovate tutto qui.
Infine… la finale dello Strega. Stregati da Ricardo Menéndez Salmón, avremo il nostro asso asturiano nella cinquina dello Strega europeo.
E godiamocele un po’, queste serate di giugno… oh ma poi qualche minutino per leggere lo lasciamo vero?