26
FEB
2015

Da oggi #Tunontacere

Notizie, idee, curiosità

Già, questo è un paese dove nessuno sbaglia mai, dico. In questo paese, di fronte agli errori più grandi, bastano una confessione e poi un perdono.”

Dopo Se ti abbraccio non aver paura, un nuovo romanzo di grande sensibilità su un tema delicato all’incrocio degli incroci: il diritto alla salute.

Lorenzo ha perso il padre e c’è un tarlo che lo inquieta: che l’ospedale non gli abbia offerto la cura dovuta. È al quinto anno di medicina e l’idea lo turba come figlio e come futuro medico. Sua madre vorrebbe solo dimenticare e Lorenzo chiede aiuto a un vecchio prof di scienze del liceo. Il prof ha sempre insegnato ai suoi studenti a conoscere e rispettare il corpo umano.
Capisce che Lorenzo deve andare sino in fondo; insieme cercano giustizia e verità. Si avventurano così in un terreno dove tutto si incrocia: speranza di vivere e conquiste della scienza, ideali e interessi economici più o meno legittimi, eccellenza ammirevole e drammatica carenza di risorse, responsabilità individuale e collettiva.

Con il suo sguardo attento, fiducioso e sognante, Fulvio Ervas dà voce ai nostri pensieri quando siamo lì, dove la vita ci viene a cercare: quando siamo soltanto parenti, medici, infermieri, pazienti, soltanto persone che si tendono la mano al confine tra singolo e comunità.

Qui la pagina del libro.
Qui la pagina dell’autore.

Qui un’intervista a Fulvio Ervas, che racconta il processo di scrittura e la nascita di questo nuovo romanzo, su Vanity Fair, firmata da Greta Privitera.

Tunontacere_VanityFair_040315 Tunontacere_VanityFair_040315_2