Gaétan Soucy

Soucy

  • Data di nascita:21/10/1958
  • Luogo di nascita:Montreal
  • Nazionalità:Canada

Biografia

Nasce a Montréal nel 1958 in un quartiere operaio. Ha un’infanzia senza storia, trascura gli studi secondari e si forma leggendo.
Studia fisica e matematica all’università di Montréal, letteratura all’università del Quebéc, ottiene un dottorato in filosofia con una tesi sulla teoria trascendentale delle scienze nella filosofia critica kantiana.

Tra il 1986 e il 1995, soggiorna a lungo in Giappone, dove si immerge nello studio della lingua e della scrittura giapponese. Nel 1994, scrive il suo primo romanzo, intitolato L’Immaculée Conception (primo premio ex equo al Festival du Premier roman de Chambéry). Questo romanzo è seguito nel 1997 da L’Acquittement (Grand Prix du Livre de Montréal 1998), poi, nel 1998, da La bambina che amava troppo i fiammiferi, finalista al prix Renaudot nel 1999, vincitore, tra gli altri, del Grand Prix du roman de l’Académie des Lettres du Québec. Il romanzo è stato tradotto in cinese, tedesco, finlandese, ebraico, spagnolo e inglese.
Con Catoblépas, firma il suo primo testo teatrale.

Ci lascia nel luglio del 2013.

Marcos y Marcos ha pubblicato La bambina che amava troppo i fiammiferi, Music-Hall! e L’assoluzione.

Audio, Video & tutto il resto

Ospite all’ultimo salone del libro di Montréal, ha risposto alle domande del pubblico.

Qual è il libro che ha significato di più per lei?
Gaétan Soucy: Molloy, di Samuel Beckett.
Potrebbe vivere delle vendite dei suoi libri?
G. S.: Sì.
Cosa sta leggendo in questo momento?
G. S.: Il duca di Saint-Simon.
Si sente uno scrittore pessimista?
G. S. : No, sono ottimista. Credo che si possa sempre trarre qualcosa di buono anche da una catastrofe.
Scrivere è difficile per lei? È un lavoro? Un sacrificio?
G. S.: Un inferno.
Le piace chattare con i suoi lettori?
G. S.: preferisco parlarci dal vivo.
Qual è il suo rapporto con internet?
G. S.: non ho un rapporto con Internet.
Qual è il suo luogo ideale per scrivere?
G. S.: Il mio studio, molto semplicemente.
Si considera uno studente saggio e studioso o un tipo turbolento?
G. S.: Studioso e turbolento.
Ci sono altre passioni nella sua vita oltre alla scrittura?
G. S.: La musica. E la storia francese del diciassettesimo secolo.